0
0
Documenti
Equipaggiamento
Bagagli
info@conteviaggi.it

PRIMA DI PARTIRE


DOCUMENTI


Prima di iniziare il tuo viaggio, ti suggeriamo di verificare una breve lista di documenti e oggetti utili, da avere sempre con te al momento della partenza:



  • Passaporto + Fotocopia passaporto

  • Carta d'identità + Fotocopia

  • Patente (se serve, internazionale)

  • Info mediche (Rh, vaccinazioni, ecc.) allegate al documento di identità

  • Carte di credito + N° tel. per bloccarle

  • Biglietti aerei

  • Documenti viaggio / Vouchers

  • Contanti in Euro

  • Valuta estera

  • Cellulare + caricabatterie

  • Guide turistiche + Mappe / Carte stradali

    Medicinali 


Per viaggiare nei Paesi della Comunità Europea


È necessario possedere la Carta d’Identità. È importante che la carta di identità non sia scaduta al momento di prendere l'aereo o di soggiornare in una struttura, altrimenti l'imbarco o il soggiorno potrebbe essere negato o contestato.

Ricorda! Le nazioni che fanno attualmente parte dell’Unione Europea sono: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria.



Se viaggi all'interno dell'Unione Europea


In compagnia di bambini fino a 15 anni non compiuti è possibile avvalersi del "lasciapassare": un certificato o un estratto di nascita rilasciato dal comune di residenza del minore, vidimato dal Questore, che viene spesso richiesto anche all’imbarco dei traghetti.



Adulti e bambini che viaggiano negli USA

Attualmente, per avere accesso agli Stati Uniti, sia bambini che adulti devono:



  • Essere in possesso di un passaporto elettronico emesso a partire dal 26 ottobre 2006

  • Garantire che il viaggio è esclusivamente per affari e/o turismo 

  • Provare che la permanenza negli Stati Uniti sarà inferiore ai 90 giorni, esibendo un valido biglietto di ritorno


Ricordate inoltre che: il passaporto deve avere una validità residua di almeno 6 mesi oltre il periodo di permanenza previsto.



Adulti e bambini che viaggiano in paesi esterni all’UE


Per viaggiare fuori dai paesi che fanno parte della Comunità Europea è necessario utilizzare un passaporto valido. Per i minori, ecco le regole vigenti:



  • è sempre richiesto il documento di espatrio personale


Animali

Per viaggiare senza problemi, non dimenticate di richiedere alla vostra ASL un passaporto per il vostro animale. E' opportuno informarsi, magari tramite il proprio veterinario, su strutture apposite nel luogo di villeggiatura in caso di emergenza.


Se si perde il documento all'estero

Se perdete il documento di riconoscimento all'estero è necessario fare denuncia alla polizia locale e recarsi all'ambasciata o al consolato per ottenere un foglio di via. Alcune compagnie, all’interno della Comunità Europea, si accontentano della semplice denuncia, in base al principio della libera circolazione di merci e persone all'interno della Comunità Europea (accordo di Schengen). Altre compagnie, al contrario, esigono un certificato da parte del consolato.


VIAGGIARE AL MEGLIO

Scrivi i recapiti

Scrivi da qualche parte (ad esempio sul casco, su un apposito cartellino attaccato allo zaino o alla valigia…) il tuo nome, il cognome e un recapito telefonico (non solo il tuo, ma anche quello della tua famiglia o di un amico). Cerca di segnare anche il tuo gruppo sanguigno: potrebbe salvarti la vita in caso di vera emegenza!


Tieniti in contatto

Tieniti sempre in contatto con qualcuno tramite chiamate o sms. Se senti l’esigenza di "staccare" del tutto e di non sentire nessuno per qualche giorno, consegna ad un amico o alla tua famiglia una copia dell’itinerario che hai intenzione di fare e cerca di seguirlo con costanza, in modo che sia possible reperirti in caso di emergenza.



Occhi aperti

Ricorda che sei solo, quindi devi essere più vigile che mai. Non dire che viaggi in solitaria, ma sostieni sempre di avere amici nelle vicinanze o di avere appuntamenti a breve. Non dare mai informazioni sul luogo dove alloggi o sui tuoi programmi futuri. Se devi chiedere informazioni, rivolgiti preferibilmente alle Forze dell’Ordine del luogo.



Paese che vai, usanze che trovi

Prima di partire, informati sulle usanze del paese che stai per visitare. Non viaggiare troppo scoperta: eviterai di attirare attenzioni indesiderate e di imbarazzare la popolazione del luogo con un abbigliamento per loro esagerato.



Scegliete le mete con cura:

Devono essere interessanti anche per i bambini! Anche il bambino più curioso sarà in difficoltà se dovrà visitare tre musei nello stesso giorno: meglio alternare un museo a un giro nei negozietti locali per acquistare un piccolo souvenir.



Coinvolgete i bambini

Nella scelta degli itinerari: i bambini amano visitare le cose che hanno già visto su libri, nei depliant o nei film. Raccontategli aneddoti interessanti sui paesi che state per visitare e sottolineatene sempre gli aspetti più curiosi!


VACCINI

Vaccini per viaggiare in Europa

I paesi dell’Europa presentano una situazione sanitaria abbastanza simile a quella italiana.


Tra i rischi più rari, ricordiamo la rabbia, che abbastanza frequentemente colpisce gli animali selvatici (in particolare le volpi) nelle aree rurali del Nord Europa.

Non è necessario effettuare alcuna vaccinazione prima di partire, ma si tratta di un rischio da tenere eventualmente presente in caso di morso di animale selvatico.

 

Per maggiori informazioni, consulta il sito ufficiale del Ministero della Salute e seleziona la tua destinazione.


Vaccini per l’America del Centro-Sud

In questa zona, esistono delle aree nelle quali alcune malattie a trasmissione gastroenterica hanno una discreta frequenza. Anche il tifo (febbre tifoide) rappresenta un potenziale rischio in queste zone. Il vaccino orale conferisce una certa protezione e può essere preso in considerazione da chi viaggia verso questi paesi a partire dai 6 anni di vita. Occorre ricordare che il vaccino impiega un certo tempo prima di esprimere la sua efficacia protettiva, quindi va somministrato possibilmente un paio di settimane prima di partire.


Infine in queste aree un altro rischio è rappresentato dall’epatite A. Da qualche anno è a disposizione un vaccino che, somministrato in almeno due dosi a distanza di 2-4 settimane l’una dall’altra, conferisce un’ottima protezione contro l’infezione.


Anche se per queste malattie possiamo utilizzare un vaccino, bisogna sottolineare che il metodo più efficace per prevenirle è l’igiene alimentare.

Quindi bisogna tenere presenti le raccomandazioni chiave:



  • bere acqua di sicura provenienza e imbottigliata

  • fare attenzione alle verdure crude

  • sbucciare personalmente la frutta

  • cuocere bene gli alimenti.


Nelle aree forestali del Sud America, eccetto che in Paraguay e ad est delle Ande, si può contrarre la febbre gialla. In Brasile questa malattia è presente nella zona settentrionale ed in quella occidentale, per questa ragione la vaccinazione contro la febbre gialla va presa seriamente in considerazione. La meningite meningococcica è presente in Brasile e in Cile ad ondate epidemiche. È opportuno verificare la situazione a questo proposito prima di partire ed eventualmente effettuare la vaccinazione.


Va inoltre tenuto presente che la rabbia è discretamente diffusa tra i cani e i pipistrelli. La vaccinazione non va fatta prima di partire, ma si deve eseguire in caso di morso di animale.



Vaccini per l’Asia

Questa area è particolarmente legata alla diffusione dell’epatite A.


Oltre alle norme igieniche da tenere sempre presenti (bere acqua di sicura provenienza e imbottigliata, fare attenzione alle verdure crude, sbucciare personalmente la frutta, cuocere bene gli alimenti), la vaccinazione va presa seriamente in considerazione.


Anche se si verificano solo casi sporadici di poliomielite, è bene verificare che le vaccinazioni contro questa malattia siano state praticate a tempo debito. La meningite meningococcica compare ad ondate epidemiche in Mongolia, in India ed in Nepal.


È bene informarsi dell’attività di questa malattia prima della partenza allo scopo di valutare la possibilità di eseguire la vaccinazione. Anche il colera può verificarsi in quest’area. Il vaccino disponibile per questa malattia è scarsamente efficace e pertanto non viene raccomandato.


La rabbia si riscontra frequentemente in questi paesi, per questo motivo è necessario effettuare la vaccinazione in caso di morso di animale.


Chi ha in programma nei prossimi mesi un viaggio in questi paesi, potrebbe inoltre sottoporsi a profilassi vaccinale contro l'influenza stagionale, come raccomandato da una circolare della Commissione europea.


Per maggiori informazioni, consulta il sito ufficiale del Ministero della Salute e seleziona la tua destinazione.



Vaccini per viaggiare in Africa

Il rischio più importante per i viaggiatori verso quest’area è rappresentato dalla malaria.


Anche se è verosimile che nel giro di qualche anno si potrà disporre di un vaccino, per il momento l’unica misura preventiva è rappresentata dall’assunzione di farmaci per un periodo che va da prima della partenza a dopo il ritorno.


La febbre gialla rappresenta un rischio in tutto il continente. È opportuno eseguire la vaccinazione prima di partire verso queste destinazioni.


Alcuni paesi richiedono un certificato di avvenuta vaccinazione per l’ingresso alla frontiera.


Il tifo (febbre tifoide) e l’epatite A sono ampiamente diffusi, è quindi opportuno prevedere di effettuare la vaccinazione per queste malattie e di seguire strettamente le norme igieniche per i cibi e le bevande. Tra gli altri rischi infettivi ricordiamo il colera e alcune grandi epidemie di meningite meningococcica, soprattutto nelle aree della savana nella stagione asciutta. Anche la rabbia rappresenta un rischio e va eseguita la vaccinazione in caso di morso di animale. Infine, in questi territori è frequente l’epatite B.

 

Per maggiori informazioni, consulta il sito ufficiale del Ministero della Salute e seleziona la tua destinazione


METEO

Meteo

Una vacanza viene sempre pensata in base al clima che si dovrà affrontare. Si va al mare ad agosto per godersi il bel tempo e la spiaggia e si sceglie di andare in montagna a febbraio per approfittare della neve e del sole ad alta quota.



Ma è davvero sempre così?



Per preparare la valigia ideale e capire se il vostro itinerario non dovrà subire brusche virate, è necessario consultare il meteo.

 

Se volete una garanzia in più telefonate al vostro hotel o a una struttura turistica con sede nel luogo della vostra eta: se il clima non dovesse essere quello che vi aspettate, eviterete di rimanere delusi e avrete il tempo di organizzare un itinerario alternativo.


PENSIONI PER ANIMALI

Pensioni per animali

Quando si parte per le vacanze, non sempre è possible portare con noi i nostri amici a quattro zampe. Se il vostro hotel non ammette animali di piccola taglia o se temete che il vostro cane non sarebbe contento di seguirvi in barca, ecco alcuni consigli:



Chiedete aiuto ad amici e parenti

Magari promettendo di restituire il favore quando a partire saranno loro.



Chiedete anche al lavoro

Il collega che ha un figlio che vuole un cagnolino a tutti i costi potrebbe trovare interessante l’idea di tenere il vostro cane per qualche giorno. Potrebbe approfittare della situazione insegnando al bambino che essere il padrone di un animale significa anche avere delle responsabilità e, allo stesso tempo, testare le reali capacità del figlio di gestire un animale.


Domandate ai vostri vicini e ai loro figli

Se non partono per le vacanze nello stesso periodo, saranno felici di avere un po’ di compagnia a quattro zampe, magari in cambio di una piccola ricompensa.



Se preferite lasciare i vostri cuccioli

In una pensione apposita, non vi resta che prenotarla con qualche giorno di anticipo.

di Corte Viaggi soc. coop a.r.l. Via Cavour n. 10 33028 TOLMEZZO (Ud)
tel +39 0433 467120 P.IVA 02597220306 info@conteviaggi.it
Realizzato da Bo.Di.